Barletta – Catanzaro, interviste postpartita

Mister Cozza (allenatore Catanzaro)

Mister, partita equilibrata e decisa da un episodio….
“E’ stata equilibrata. Nel primo tempo non avviamo concesso quasi nulla. Nel secondo tempo, nonostante il goal su rigore, credo che il risultato sia giusto alla luce delle occasioni capitateci. La squadra è stata in grado di portare il risultato a casa, anche giocando male. Nel primo tempo si è giocato male, ma nel secondo tempo la squadra è migliorata”.

PROMO mini

Qual è l’obiettivo del Catanzaro?
“Il nostro obiettivo è la salvezza e dobbiamo cercare di raggiungerla il prima possibile. Occorre creare i presupposti per vincere il campionato il prossimo anno. Siamo nuovi in questa categoria e dobbiamo capire come funziona. Quest’anno faremo il possibile per raggiungere i playoff, ma non ne faremo drammi in caso di mancato raggiungimento”.

Capitolo mercato. Come si sta muovendo il Catanzaro?
“Siamo lavorando sia sulle uscite che sulle entrate. E’ ovvio che chi parte sarà rimpiazzato. Nella Berretti ci sono molti ’85 ed ’86 che possono meritare di giungere in prima squadra”.

Il Barletta ha già un piede nella fossa?
“Credo di no. Può uscire da questa situazione e rimontare sulla penultima e sulla terzultima. Sono convinto che, o direttamente o tramite i playout, i biancorossi si possano salvare”.

—————————————————————–

Fioretti (attaccante Catanzaro)

Giordano, la squadra oggi non si è espressa al meglio…
“Si, l’importante è aver fatto risultato”.

La tua media è più bassa rispetto ai trenta gol dell’anno passato ma stai comunque segnando molto…
“Si, spero di continuare così”.

Qual è l’obiettivo del Catanzaro?
“Guardando la classifica, siamo più vicini ai playout e quindi guardiamo chi ci sta dietro”.

E’ un campionato molto equilibrato e le squadre sono tutte vicine tra loro. Chi ti ha impressionato di più?
“Nel girone d’andata la squadra che mi ha più impressionato è stata il Latina”.

——————————————————————

Mister Novelli (allenatore Barletta)

Mister, partita decisa dagli episodi?
“Gli episodi non devono essere un alibi per noi, dobbiamo correggere alcune situazioni. Non possiamo avere occasioni clamorose e cercare di fare goal nel modo più spettacolare. Dobbiamo cercare di essere più pratici. Ho da recriminare anche sull’espulsione. Lo stesso fallo di Mazzarani, lo abbiamo subito anche noi. Altri episodi in area di rigore avversaria non sono stati sanzionati. Potevamo chiudere la gara in modo diverso. Occorre fare chiarezza e individuare i ragazzi che non hanno più voglia di stare con noi: segnalerò questi al direttore”.

Il Sorrento ha vinto ed il Barletta è ultimo…in settimana arriverà qualcuno? E se non arriverà nessuno, Novelli si dimetterà?
“Stiamo individuando calciatori che portino qualcosa di diverso rispetto a quelli che ci sono attualmente sotto l’aspetto caratteriale e di qualità. In settimana mi aspetto che qualcosa migliori, perché in alcuni reparti eravamo in grande difficoltà. Barbuti ha saltato la seduta giovedì e mercoledì per problemi intestinali e veniva da un lungo infortunio”.

Ha indicato solo il ruolo per il quale le servono rinforzi o ha anche fatto i nomi?
“L’uno e l’altro”.

Aspetto arbitrale. Sette rigori al passivo per il Barletta: il fatto che la società non fosse molto presente può aver creato una sorta di “sindrome Barletta”?
“Sicuramente quando c’è una situazione di classifica buona, arbitraggio ti può aiutare. Nel dubbio ci si fischia contro. Le altre sono certezze e sono tutte ammonizioni per simulazione”.

Come mai Pane fuori e Allegretti trequartista?
“Ho visto molto bene Liverani questa settimana ed ho scelto lui. In questo momento reputo di mettere in campo i calciatori che abbiano un aspetto psicologico più importante da poter sopportare. Allegretti ha giocato quasi sempre in B in quella posizione lì ed abbiamo schierato due mediani dietro, come Meduri e Piccinni”.

PROMO mini
PROMO mini