Numeri&sport 2012, allenatori biancorossi a confronto

Penultimo giorno dell’anno solare 2012. Un anno nel quale si sono alternati ben quattro allenatori sulla panchina del Barletta. Prima è stata la volta di Marco Cari, poi è toccato a Nello Di Costanzo. Infine a Novelli e Stringara.

Ma una domanda sorge spontanea nella mente dello statistico: quale tra i quattro è stato il migliore allenatore biancorosso del 2012?

PROMO mini

La risposta, ovviamente, non può essere univoca. Abbiamo però la possibilità di affidarci ad una scienza esatta, quale quella dei numeri. Analizzando la media punti, le partite vissute alla guida del Barletta ed il numero di gol fatti e subiti, potremo essere in grado di delineare il profilo del migliore allenatore del Barletta del 2012.

Prima di partire è bene fare una premessa: Marco Cari risulta particolarmente svantaggiato in questo speciale confronto, perché è stato alla guida del Barletta per il solo mese di Gennaio. Dalla sconfitta col Frosinone al pareggio di Latina. Nel corso di quest’anno solare, Marco Cari ha avuto l’onore di guidare il Barletta in 5 partite. Ecco il suo bottino:

5 – sono i punti realizzati dal Barletta nel 2012 con Marco Cari in panchina.

8 – sono i gol fatti e subiti dal Barletta nelle 5 partite della gestione Cari del 2012.

1 – è la media punti del Barletta con Cari in panchina nel 2012

Il 7 febbraio c’è stato l’avvicendamento. A sostituire Cari ci ha pensato nello Di Costanzo, che ha allenato il Barletta fino alla fine del campionato scorso.

12 – le partite del 2012 dei biancorossi con Di Costanzo in panchina

17 – i punti totalizzati dal Barletta nel 2012 con l’attuale tecnico della Carrarese in panchina

17 – i gol segnati dal Barletta dal 7 febbraio fino al termine della scorsa stagione

14 – i gol subiti dai biancorossi nello stesso periodo

1,4 – è la media punti a partita con Nello di Costanzo in panchina. E’ la più alta.

Stagione 2012/2013. Con Novelli il Barletta è ripartito. Dopo la delusione di Piacenza, la dirigenza ha pensato di ridimensionare notevolmente l’organico a disposizione ed abbattere molte voci di spesa rispetto alla precedente stagione. Si è ripartiti con Pavone nel ruolo di Direttore Sportivo e Raffaele Novelli come allenatore. Le cose non sono andate subito nel verso giusto ed i numeri sono impietosi:

3 – i punti racimolati da Novelli in 8 partite alla guida del Barletta. I punti diventano 4 in 9 gare se si inserisce nel computo anche la sfida tra Barletta e Benevento. Una partita che ha segnato il ritorno di Novelli e nella quale è maturato un pareggio.

7 – i gol segnati dal Barletta nel corso della prima gestione Novelli. Reti che diventano 9 se si considera l’ultima gara col Benevento.

14 – le marcature al passivo con Novelli in panchina. Bottino che si eleva a 16, tenuto conto delle sue reti segnate col Benevento.

La media punti è molto deludente: meno di mezzo punto a partita.

Sei sole distinte di gara riportavano il nome di Stringara come allenatore del Barletta. La prima è stata quella relativa allo sciagurato derby perso contro l’Andria. L’ultima è stata, invece, la brutta partita di Viareggio persa per tre reti a zero.

Esonerato per gli scarsi risultati conseguiti, va detto che proprio con Stringara è arrivato il primo successo stagionale del Barletta. Ma il gioco latitava e non poco.

4 – i punti ottenuti da Stringara in 6 partite

4 – i gol realizzati dal Barletta agli ordini di Stringara

9 – le reti al passivo durante il periodo di riferimento

0,6 – è la media punti del Barletta con Stringara in panchina. Una media leggermente migliorata rispetto alla gestione Novelli, ma comunque inferiore a quella di Nello Di Costanzo.

 

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini