Cestistica fermata in terra d'Abruzzo

Niente da fare, la fine del tunnel non arriva: i biancorossi della Cestistica Naurora Barletta tornano a casa da Lanciano con una nuova sconfitta, la quinta consecutiva. 104-91 il risultato in favore dei padroni di casa della Bls Banca Lanciano, alla fine di un match per tre quarti e mezzo senza storia, che la Cestistica è riuscita a raddrizzare troppo tardi. Ovvie recriminazioni per i parziali concessi agli avversari nei primi due quarti, avanti anche di 23 punti a meno di 7′ dalla fine, che hanno portato i biancorossi ad inseguire da lontano per tutto l’arco del match.

Primo parziale:

coach Degni opera un cambio in cabina di regìa all’interno del quintetto, dove parte con G.Falcone al posto di Chiandetti, accanto ai soliti Degni, Gambarota, Sisto e Defazio. Il coach gialloblu Salvemini schiera Di Emidio, Scavongelli, Martelli, Castelluccia e Blaskovic. In avvio regna l’equilibrio: buona partenza dei padroni di casa, subito avanti 6-1, poi recupero biancorosso fino all’ 8-11 e infine nuovo allungo lancianese, che spacca gli equilibri fino al 22-13 di chiusura parziale con una bomba di Scavongelli. Tra i barlettani appare subito molto ispirato Giovanni Gambarota, autore di 8 punti nella prima frazione.

Bagni Teti Wide Small

Secondo parziale:

nei secondi 10′ di gioco, gli attacchi sembrano avere decisamente la meglio. Le squadre faticano in difesa e il punteggio si mantiene alto. Lanciano, inoltre, è molto precisa al tiro da fuori: 11 triple a segno su 25 tentativi, per un 44% che la dice lunga. Percentuale speculare per Barletta, con 8/18. I padroni di casa giocano alla grande: il duo di lunghi Castelluccia-Blaskovic si fa sentire sotto canestro e le guardie trovano regolarmente il fondo della retina da fuori. La Cestistica non riesce a contenere gli scatenati avversari, che con 3 triple in fila di Scavongelli e Martelli (2) si portano sul +21, 51-30 al minuto 18, nonostante Gambarota già a quota 14 punti.  Si va all’intervallo lungo sul 53-34.

Terzo parziale: 

al rientro la Cestistica prova a rientrare nel punteggio e si porta sul -15 con la tripla di Degni e la penetrazione di Falcone. Buono il suo apporto, anche partendo dal quintetto, con 13 punti e 6 falli subiti. Ma Lanciano non si scompone, anzi, riprende a macinare gioco e canestri, soprattutto con le sue guardie: il giovane play Di Emidio si scatena e subisce ben 9 falli attaccando il canestro. Segnerà 25 punti in 39 minuti, con soli 9 tiri dal campo (12/13 l’eccellente fatturato in lunetta). La guardia Scavongelli, mette a referto la sua terza tripla e Lanciano sale sul +23, 69-46, a 3′ dalla terza sirena. Prima dell’ultimo intervallo c’è tempo per 2 liberi a testa di Serino e Gambarota e due punti di Chiandetti. 69-52 a 10′ dalla fine.

Quarto parziale:

ultima frazione, Cestistica con l’acqua alla gola, ma intenzionata a giocarsi il tutto per tutto. Per 4 minuti il copione sembra già scritto: Lanciano colpisce da fuori, con Castelluccia e Di Emidio, e il divario sale a 22 punti. A questo punto sale in cattedra Gambarota: il numero 6 biancorosso non ci sta e realizza ben 14 punti nel quarto, che propiziano un’incredibile quanto insperata rimonta. Tutti i 5 in campo contribuiscono, un redivivo Chiandetti segna 2 triple, Sisto, alla peggior prova stagionale, segna da sotto e Degni infila la tripla del -7 (89-82) a 3′ dalla fine. Lanciano si riporta in doppia cifra di vantaggio, ma la Cestistica, rientra definitivamente in partita (0-6 mini-parziale) fino ad un pazzesco -4 con i canestri di Degni, Falcone e Chiandetti. Sul 92-88 a poco piu di 60 secondi dall’ultima sirena, i padroni di casa si affidano agli attacchi dal palleggio sfruttando l’abilità e la freddezza in lunetta. I liberi di Martelli e Scavongelli ridanno 10 punti di vantaggio e chiudono il match. Finisce 104-91.

Prestazione corale del quintetto di casa: ben 96 dei 104 punti messi a segno arrivano dai 5 “starters” lancianesi. 25 punti e 7 assist per Di Emidio, mvp dell’incontro, 24 per Scavongelli, 16 per Castelluccia e 19 punti di Martelli. Per il croato Blaskovic doppia-doppia da 12 punti e 11 rimbalzi. Ai biancorossi non basta un generosissimo Gambarota, incontenibile soprattutto nell’ultimo quarto: miglior realizzatore del match con 32 punti (10/12, 2/3 da 3, 10/12 tl). Buone prove per i due play Falcone e Chiandetti con 13 e 10 punti. 14 i punti del solito Degni.

Prossimo match domenica 23 dicembre, contro Trani. A capitan Colaprice e compagni servirà tanto cuore e, soprattutto, l’aiuto del PalaDisfida per ritrovare, finalmente, la via del successo, che sembra davvero smarrita.

Betland mini wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Zerodue Top Boss

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Zerodue Mini Wide
Bellino Mini Wide
Zerodue Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Betland mini wide