Cestistica fermata ancora al supplementare

Qualche errore di troppo, un pizzico di sfortuna e tanti meriti dell’avversario. Questo, a conclusione di un’altra emozionante sfida in quel del PalaDisfida, che ha visto i biancorossi di coach Degni sconfitti all’ultimo respiro, dopo 45′  dai campani del S.Michele Maddaloni. 83-86 il punteggio finale, dopo che i 4 tempi regolamentari si erano conclusi sul 75-75.

Coach Degni apporta una piccola variazione al quintetto base: il capitano Colaprice prende il posto di Defazio schierandosi ala-pivot. Accanto a lui Sisto e i soliti Chiandetti, Degni e Gambarota. Maddaloni scende in campo con Desiato in cabina di regìa, Ferrante, Chiavazzo e il duo di lunghi Piscitelli e Rusciano.

PROMO mini

Primo parziale: partenza lenta per la Cestistica Naurora Barletta, punita dalla quotata formazione campana che scappa subito avanti. Scarsa intensità difensiva e attacchi poco convincenti, conclusi con numerose palle perse e tiri sbagliati dai biancorossi, spalancano la strada del +12 di fine primo quarto per gli ospiti, sul 15-27. Una tripla di Degni unico “sussulto”, con i campani Desiato e soprattutto Chiavazzo precisi nel chiudere in contropiede.

Secondo parziale: la Cestistica sembra sbloccarsi e il divario si accorcia grazie a possessi difensivi di maggiore qualità rispetto al primo quarto. Il temibile play maker Desiato, migliore dei suoi, costringe Falcone, subentrato a Chiandetti e, stavolta, poco incisivo, a commettere falli. Tra le fila biancorosse in evidenza Defazio, autore della miglior prestazione personale stagionale, partendo dalla panchina, e netto vincitore del confronto sotto canestro con i forti lunghi avversari: 14 punti (6/7 al tiro 2/3 ai liberi) e 4 rimbalzi, l’ottimo bottino del centro barlettano. Punti pesanti arrivano anche dall’altro lungo biancorosso Sisto, piu volte chiamato in causa dai compagni, autore di ben 26 punti (11/22 al tiro 4/6 tl) 12 rimbalzi, per una doppia-doppia di tutto rispetto. Barletta riesce ad accorciare le distanze fino al 36-42 di metà gara.

Terzo parziale: dopo aver creato le premesse per la rimonta, la Cestistica riesce, nel penultimo periodo, a completare la rincorsa e ad impattare nel punteggio. Minuti di qualità provengono da Serino, mostratosi in condizioni fisiche in costante progresso e autore di giocate da highlights. La continuità offensiva di Sisto e Defazio e alcuni lampi di un Gambarota a corrente alternata, danno fiato al pubblico del PalaDisfida e creano le prime crepe negli automatismi dell’esperto quintetto ospite. I campani litigano con il ferro nel tiro da fuori (negativo 5/20 totale di squadra) e il terzo quarto si chiude in parità sul 57-57.

Quarto parziale: gli ultimi 10 minuti si trasformano in un appassionante testa a testa tra le due squadre; la Cestistica parte alla grande e vola sul massimo vantaggio di +7 grazie alla quarta bomba di Degni e al solito Sisto. Ma è proprio quando l’inerzia sembra finalmente favorire i padroni di casa, che viene fuori il talento e l’esperienza della compagine campana. L’ala-pivot Piscitelli infila la sua prima e pesante tripla della partita (chiude con 15 punti 5/15 dal campo e 6 rimbalzi), Chiavazzo continua ad essere inarrestabile giungendo costantemente al ferro e marcando 26 punti e 7 rimbalzi con percentuali di tiro elevate: 10/18 totale , 0/4 da 3 , 6/6 tl. Sul 72-75 a meno di 1′ dal termine Gambarota trova una gran tripla fuori ritmo e consegna a Barletta la speranza di evitare una nuova, beffarda sconfitta. Finisce così ed è di nuovo overtime.

Overtime: le due squadre appaiono stremate e i ritmi non sono elevati. Già fuori per falli Falcone e gravato di 4 falli Gambarota, la Cestistica si affida offensivamente a Sisto e Degni. A fare la differenza ci pensa Desiato: il play di Maddaloni, praticamente perfetto al tiro, sale in cattedra e chiude i conti, attaccando il canestro e segnando dalla media. Ci provano dalla distanza prima Degni, poi, alla disperata, Gambarota, ma la palla non va: Desiato è lucido in lunetta e finisce 83-86.

Sconfitta di misura al cospetto di una signora squadra, che resta in vetta al torneo con 12 punti. Restano 6 i punti dei biancorossi (con una gara da recuperare), che non riescono ad evitare la terza sconfitta casalinga consecutiva. Prestazione nel complesso buona dei ragazzi di coach Degni, a lungo sotto nel punteggio, ma mai domi e capaci di giocarsela alla pari con la “prima della classe”. Per gli ospiti, deludente la prova di Rusciano, ben limitato dai lunghi biancorossi; straripanti Chiavazzo e Desiato (quest’ultimo il migliore in campo con 8/9 al tiro, 1/1 da 3 e 9/10 tl) autori di 26 punti a testa. Discreti Piscitelli (15 punti) Ferrante (10). Ai biancorossi non basta l’ottima prova di Defazio (14 punti), il solito generoso Sisto (26 punti + 12 rimbalzi) Degni (15 punti con 4/10 da 3). 12 punti, 6 rimbalzi, 3 assist per Gambarota. Abbastanza opache le prestazioni del capitano Colaprice, addirittura a secco (0/6 dal campo) e di Chiandetti (3 punti).
Nel prossimo match la Cestistica se la vedrà, fuori casa, con i pugliesi del C.U.S Ionico Bk Taranto, sesti in classifica con 8 punti, per provare a ritrovare la via della vittoria che manca dall’ultima trasferta, disputata in quel di Venafro. 

 

I Tabellini

15-27, 36-42, 57-57, 75-75, 83-86

BARLETTA – Degni 15, Falcone 7, Chiandetti 3, Gambarota 12, De fazio 14, Colaprice 0, Serino 6, Sisto 26, Miolla 0 n.e.: Balducci
MADDALONI – Defiato 26, Ferrante 10, Chiavazzo 26, Rusciano 4, Piscitelli 15, Garofalo 4, D’isep 1, n.e.: Salanti, Meles , Pascarella

Arbitri: De Filippo Francesco, Paccarie’ Alessio

PalaDisfida “Mario Borgia”

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini