Barletta-Andria 0-1, le pagelle dei biancorossi

Pane 5,5: sul tiro di Arini oppone una flebile resistenza. Non trasmette sicurezza nel resto della gara. MEzzo voto in più per il rigore parato a Innocenti.

De Leidi 5,5: il meno peggio del pacchetto arretrato. Anche lui si affida troppo ai lanci lunghi in fase di impostazione.

PROMO mini

Burzigotti 5: Stringara aveva detto di vederlo meglio in una difesa a tre, per lui che non è propriamente veloce. Non è stata evidentemente questa l’occasione.

Romeo 5: soffre tremendamente il confronto con Taormina, che lo brucia più volte in velocità. Continua a manifestare un’inquietante insicurezza nei disimpegni più semplici.

Calapai 5,5: macina come sempre tantissimi chilometri sulla fascia destra ma giunge poche volte sul fondo. Nel secondo tempo viene inspiegabilmente trascurato dalla squadra, che preferisce attaccare da sinistra.

Molina 5: chiede spesso palla sui piedi e il risultato è un rallentamento della già farraginosa manovra biancorossa. Troppi tocchi di palla e poca sostanza, prova lo spunto in dribbling un paio di volte ma senza sorte.

Vacca 5: Cosco gli mette Giorgino a uomo e non sbaglia, perchè il centrocampista andriese si divora letteralmente l’ex Benevento, che non riesce mai a liberarsi dalla marcatura per impostare. Sostituito giustamente nell’intervallo.

Meucci 5: 45 minuti fatti di appoggi semplici senza mai cercare l’inserimento o la verticalizzazione.

Dezi 5,5: un primo tempo da spettatore, a metà tra mezzala e fantasista. Nella ripresa si ritaglia un buon spazio sulla trequarti avversaria, rendendosi più pericoloso. Si fa ipnotizzare da Rossi in occasione del rigore.

Petterini 5: rientra da capitano, dopo un intero inizio di stagione da emarginato. Quando spinge sulla fascia non trova mai uno spunto o un guizzo in velocità. In difesa lascia Romeo in balia di D’Errico. Ma non era meglio Angeletti?

Carretta 4 (peggiore): viene schierato in coppia con Ferreira con il compito di infilare in velocità la difesa avversaria ma mette in mostra l’ennesima prestazione sciagurata. Non corre, non attacca, non pressa e sbaglia persino gli stop più semplici. Graziato da Stringara, che avrebbe dovuto sostituirlo già nell’intervallo.

Ferreira 6,5 (migliore): migliore in campo, o meno peggio, dei suoi. È l’unico che si sbatte su tutto il fronte d’attacco nell’inedito ruolo di prima punta. Cerca più volte il dribbling e la conclusione. Conquista il rigore della speranza ed è l’ultimo ad arrendersi.

La Mantia 6: il miglior marcatore della squadra viene incredibilmente escluso dall’11 titolare e quando entra nella ripresa dimostra a Stringara che ha sbagliato. Non sarà il centravanti dei sogni ma almeno lotta, ci crede e gioca di sponda per tutti i 45′ a sua disposizione.

Simoncelli sv: entra troppo tardi dalla panchina, quando i giochi sono ormai decisi

Stringara 4: non ce ne voglia il nuovo allenatore ma alla sua prima uscita mette in campo una formazione senza senso, dimostrando probabilmente di non conoscere ancora bene la rosa a sua disposizione. Parte subito a tre dietro per poi passare a 4 nella ripresa. Ma la peggior mossa è quella che esclude La Mantia in luogo di un abulico Carretta. Cosco lo castiga, optando per la marcatura a uomo su Vacca prima e Dezi poi.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini