Sorrento, 67 anni di storia

 

Nel weekend appena cominciato, il Barletta si appresta a vivere una trasferta dal dolce ricordo di promozione. Era il 7 giugno 1987 quando Rovani fece impazzire migliaia di tifosi biancorossi accorsi allo stadio Italia di Sorrento: quel gol contro i rossoneri ultimi in classifica decretò lo storico approdo in Serie B.

Bellino Mini Wide

[quote_left]Dalla fondazione ai Dilettanti[/quote_left]

Non è la prima volta, dunque, che i costieri ospitano il club di via Vittorio Veneto nel corso della loro storia relativamente breve: era il 1945 quando il Sorrento Calcio vide ufficialmente la luce. Prima del secondo dopoguerra, solo due campionati locali senza la denominazione ufficiale. L’altalena tra divisioni regionali e Interregionale e la nuova denominazione S.S. Flos Carmeli, utilizzata per sei anni prima di cambiare nuovamente in A.S. Sorrento, caratterizzano gli anni ’40 e ’50.

[quote_right]La scalata e la Serie B[/quote_right]

La nuova società inaugura il suo ciclo con la retrocessione dai Dilettanti, tra i quali tornerà solo nel 1968. Inizia il breve, ma glorioso periodo dei campani, che trovano immediatamente la promozione in C dopo lo spareggio con la Turris e, dopo un anno di assestamento nelle zone medio-alte della categoria, vincono il campionato e approdano in B.

La permanenza in cadetteria dura solo una stagione, quella del 1971-72: girone d’andata drammatico e zona retrocessione inevitabile, nonostante un ritorno da candidata alla Serie A. Il Sorrento chiude penultimo, dopo aver vissuto l’atmosfera del San Paolo di Napoli per le gare casalinghe.

La Serie C non regala particolari scossoni, al contrario bisogna registrare il declassamento in C2 del 1978 dopo la riforma dei campionati. I rossoneri, avendo concluso il torneo 1977-78 al quattordicesimo posto e dunque nella parte bassa della classifica, rientrano d’ufficio nelle squadre della nuova categoria, nella quale rimarranno fino al 1985, anno della promozione in C1.

[quote_left]L’esclusione e il ritorno tra i Pro[/quote_left]

Una salvezza e una retrocessione prima del baratro: retrocessione in C2 nell’anno della promozione in B del Barletta, a cui fa seguito l’esclusione dalla C2 per inadempienze finanziarie nel 1989. Dopo 15 anni tra Serie D e categorie regionali, nel 2006 i costieri tornano in C2 dopo aver vinto anche la Coppa Italia Serie D. E’ il momento del doppio salto, il ritorno tra i professionisti è celebrato dall’immediato primo posto che proietta la squadra in C1. Il 3 settembre 2007 si interrompe la serie senza sconfitte casalinghe che durava dall’1 maggio 2004. Nonostante quel ko interno contro il Potenza, il Sorrento ottiene un buon decimo posto a fine stagione.

[quote_right]Quella Serie B solo accarezzata[/quote_right]

Dopo la vittoria della Coppa Italia Lega Pro nel 2009 e un’altra salvezza nel 2010, la dirigenza rossonera punta intensamente sulla possibilità di un approdo in B dopo quasi 40 anni: nel 2011 è solo il Gubbio a fare meglio dei costieri, secondi in campionato ed eliminati in semifinale playoff dalla successiva vincitrice Verona. Ancora ai vertici al termine della stagione 2011-12, il quarto posto finale vale i playoff contro il Carpi, ma gli emiliani la spuntano solo per il miglior piazzamento in campionato.

L’estate 2012 vede un ridimensionamento degli obiettivi, la società allestisce una rosa per la salvezza e la affida a Bucaro. Il resto è storia contemporanea fino a domenica, quando Sorrento e Barletta si affronteranno per l’ennesimo scontro salvezza della stagione.

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Bellino Top Boss Articolo e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Bellino Mini Wide
Bellino Mini Wide
Bellino Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bellino Mini Wide