Paganese, pillole di storia

La Paganese sarà la prossima avversaria del Barletta. Il nome della società non serve a rendere omaggio alla generosità dei presidenti, bensì alla città di Pagani. Si tratta di un comune del salernitano, con poco più di trentamila abitanti.

Nel corso della sua storia quasi novantennale, la Paganese non è mai riuscita nell’impresa di disputare un campionato di serie B. Quello attuale, rappresenta uno dei momenti migliori del calcio paganese.

Bagni Teti Wide Small

Gli inizi

Già nel 1912 si comincia a parlare di calcio a Pagani. Pasquale Carosella fonda una società sportiva giovanile che opera nel campo calcistico e ciclistico. Ma la squadra non disputa mai tornei riconosciuti dalla federazione calcistica italiana.

E’ necessario attendere il 1926 per assistere alla fondazione della Paganese ad opera del presidente Giuseppe Baldanza: il campo da gioco che viene ricavato all’interno di una vasca per la raccolta dell’acqua piovana. Il primo a sedere sulla panchina degli azzurrostellati è il salernitano Venturini. Nel 1929 la Paganese ottiene la promozione dalla terza alla seconda divisione campana. E tutti gli anni trenta sono caratterizzati da alti e bassi nell’ambito delle serie minori, senza mai riuscire ad emergere.

L’ascesa

E’ il 1967 quando la squadra di calcio di Pagani conquista la D. Disputa nove stagioni nei dilettanti e accede alla serie C nel ’76. L’anno successivo, gli azzurrostellati sfiorano la cadetteria. Vengono beffati dal Bari, che si piazza al primo posto. La rimonta dei salernitani sembra impossibile, ma i paganesi vanno vicinissimi all’impresa anche se non la realizzano.La Paganese resta, quindi, in C.

Quando viene operata la divisione del campionato di serie C, i salernitani riescono a piazzarsi al decimo posto e si iscrivono alla C1 l’anno successivo.

Tutti gli anni ottanta sono disputati dagli azzurrostellati tra la C1 e la C2. Nel 1987, però, la squadra di Pagani perde contro il Frosinone e retrocede dalla C2 all’interregionale.

I giorni nostri

Dopo una serie infinita di campionati giocati a livello dilettantistico, principalmente in eccellenza, la Paganese torna a calcare palcoscenici importanti e viene promossa nel semi-professionismo. Siamo nel 1998/1999. La D rischia di diventare una sorta di “seconda casa” per la prossima avversaria del Barletta, che vi rimane fino al 2006 (anno della promozione in serie C2). Il campionato di C2 è quasi perfetto. La Paganese conquista i playoff e batte la Spal e la Reggiana, ottenendo sul campo quella Prima Divisione (C1) che mancava da ormai troppo tempo.

Nel 2010 c’è un pericoloso avvicendamento tra Palumbo e Pensabene alla guida tecnica della squadra. I risultati sono pessimi e la Paganese retrocede in C2, salvo poi beneficiare del ripescaggio. L’anno successivo il campionato è peggiore rispetto a quello precedente e gli azzurrostellati chiudono la stagione all’ultimo posto, scivolando in Seconda Divisione.Il calvario, tuttavia, dura un solo anno e la Paganese conquista l’accesso ai playoff di serie C2. La vittoria sul Chieti e sulla Vigor Lamezia decreta il ritorno dei salernitani in Prima Divisione, dopo un solo anno di assenza.

Il resto è storia di questi giorni, con i prossimi avversari del Barletta capaci di piazzarsi nelle prime posizioni, a soli quattro punti dalle capoliste.

Zingrillo mini wide

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Isolaverde Post

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Betland mini wide
Brainwave Skyscraper
Bagni Teti Wide Small
Bagni Teti Wide Small

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bagni Teti Wide Small