Derby, come tutto ebbe inizio

 

Una rivalità cittadina che si protrae dalla notte dei tempi, arricchita dalle sfide nei rispettivi stadi. Il gemellaggio fa da contraltare alla realtà politica, economica e spesso anche sociale, ma oggi si parla solo di calcio. E di come tutto è cominciato.

PROMO mini

[quote_left]Bilancio a favore dell’Andria[/quote_left]

Sono quindici gli incontri ufficiali a livello professionistico tra Barletta e Andria, di cui 8 tra Lega Pro e vecchia Serie C e 7 in Coppa Italia. Il bilancio, comunque vada oggi pomeriggio, rimarrà a favore dei biancazzurri: 4 vittorie a 2, con ben 9 pareggi. Anche il computo dei gol segnati sorride agli andriesi, avanti 21-20 nelle marcature di tutti i tempi.

L’ultima vittoria del Barletta risale al 27 marzo 2011: l’Andria, fresca del cambio di allenatore, incassò la quinta sconfitta consecutiva in campionato e rischiò di sprofondare ai playout, a cui trovò scampo solo all’ultimo minuto della stagione con un gol di Carretta a Terni. Il 3-2 del Puttilli vide le marcature di Infantino (doppietta) e Lucioni, mentre per gli ospiti andarono a segno Minesso e Del Core.

L’ultima vittoria andriese risale, invece, all’ultimo confronto tra le due squadre: al Degli Ulivi, il Barletta cadde 2-1 nei minuti di recupero per mano di Cossentino, che annullò il momentaneo pareggio di Franchini.

[quote_right]Matticari, Cavaliere e il fattore campo[/quote_right]

L’aspetto più curioso è senza dubbio il fattore campo: mai nessuna delle due squadre è mai riuscita ad espugnare la fortezza avversaria. A sfiorare la clamorosa impresa furono prima i biancorossi, che il 6 ottobre 1991 andarono subito in vantaggio con Matticari e subirono il pari di Carlone nel recupero, poi i biancazzurri, che il 22 settembre 2008 si portarono in vantaggio 2-0 con Menichini e Cavaliere, prima di subire la rimonta ad opera di Zotti e Laviano.

Simone Cavaliere fu il protagonista di quella stagione, segnando sia all’andata che nel 2-1 del ritorno, caratterizzato dalle porte chiuse per la rissa di Andria-Gela e dal discutibile arbitraggio di Doveri, attuale fischietto della massima serie. In estate, il trasferimento dell’attaccante al Barletta segnò la fine di una periodo da bestia nera dei biancorossi.

[quote_left]Il gemellaggio[/quote_left]

Il 2-2 di quattro anni fa sancì il gemellaggio tra le due tifoserie, che rinsaldarono una vecchia amicizia nata 16 anni prima: il Barletta fermò il Perugia al Comunale, regalando all’Andria la prima, storica promozione in Serie B. Dal ritorno dei barlettani tra i pro sono state disputate 8 sfide, tra cui una di Coppa Italia Lega Pro e l’amichevole di beneficenza per il terremoto in Abruzzo.

[quote_right]La firma di Lobascio[/quote_right]

Importanti anche le sfide degli anni ’60 e ’70, con le due squadre impegnate nei campionati dilettantistici: memorabile il 2-1 del Simeone nell’aprile 1963 e il 2-0 dell’autunno 1971, firmato dal bomber all-time Gigi Lobascio.

Tra meno di cinque ore verrà scritta una nuova pagina di calcio e di storia delle due città: il passato non conta, la scena è tutta per le motivazioni, la fame e la grinta che caratterizzano il derby.

 

Si ringrazia Marco Dambra per la collaborazione e il supporto storico – statistico !

 

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Isolaverde Post

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

Bellino Mini Wide
PROMO mini
Free Tour mini wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bellino Mini Wide