Battistini: "Lavoriamo partita per partita"

 

Messa in archivio la prima giornata di campionato, in cui il suo Perugia ha dimostrato le qualità ampiamente messe in mostra alla vigilia, mister Pierfrancesco Battistini racconta la settimana di avvicinamento del Grifo al match del “Puttilli”.

PROMO mini

Mister, lunedì esordio e vittoria contro una delle rivali più quotate. Quali sono le sue sensazioni a freddo dopo il successo nel big match del “Curi”?

“Il nostro obiettivo è disputare un campionato di vertice. Era importante cominciare bene, soprattutto al cospetto di un avversario temibilissimo come il Benevento, ma non ci dimentichiamo di essere una neopromossa e sarebbe un grande traguardo arrivare tra le prime cinque. Abbiamo un’ottima squadra e lo abbiamo dimostrato nel posticipo. Tre punti importanti che fanno morale e danno entusiasmo all’ambiente.”

Adesso il Barletta. I biancorossi sono reduci dalla sconfitta di Catanzaro: come reputa l’avvio di stagione dei suoi prossimi avversari?

“La sconfitta non deve deprimere la piazza, ho visto un Barletta davvero brillante al “Ceravolo”. E’ un’impresa segnare tre reti ai giallorossi, addirittura in trasferta: il Catanzaro è imbattuto in casa da 18 mesi, ma domenica ha rischiato parecchio. Questo vuol dire che i ragazzi stanno seguendo gli ordini di Novelli, spinti dalla fame di crescere e di giocarsi una bella fetta di carriera a Barletta.”

Il Perugia arriva al “Puttilli” per la seconda volta in poco più di un mese. In Tim Cup c’era Tozzi Borsoi, adesso il terminale offensivo è Ciofani. Cosa cambia tatticamente nel reparto avanzato?

“Tatticamente cambia poco, entrambi sono due punte complete e in grado di fare il lavoro che chiedo all’intero reparto. Chiaramente Ciofani ha dei numeri più importanti, è reduce da una stagione a Gubbio in B, ma so di poter contare anche su un’ottima riserva. Torniamo al “Puttilli” dopo un mese, è vero, ma abbiamo archiviato da tempo quella vittoria e siamo sicuri di trovare una squadra più agguerrita, più rodata e più valida atleticamente. Senza dimenticare la spinta del pubblico.”

Sarà una partita particolare per Di Tacchio, un barlettano che andrà contro i suoi colori d’appartenenza. Ha intenzione di schierarlo o il ragazzo rischierebbe di tradire qualche emozione?

“Non sapevo che Francesco fosse barlettano, poi mi ha chiesto di rimanere un attimo in città dopo la partita di domenica pomeriggio. Ho a disposizione un ragazzo determinato a dare il 100%, giovane e con tanta esperienza nelle categorie superiori: queste tre componenti garantiscono che giocherà senza farsi impensierire dall’ambiente per fare il bene del Perugia.”

Contro il Benevento sono emersi due giovani a dir poco interessanti come Liviero e Politano, entrambi classe 1993. Dove possono arrivare questi due ragazzi di grande prospettiva?

“Sono due piacevoli sorprese, hanno dimostrato tanto in settimana e meritavano una maglia da titolare. Speriamo che diventino le rivelazioni di questo torneo. Sicuramente i giovani non ci mancano, abbiamo anche Cenciarelli, Martella e Moscati: ciò dimostra che, anche puntando ad una stagione di alta classifica, non rinunciamo ai contributi della Lega e alla promozione del calcio tramite talenti cristallini.”

Terza stagione sulla panchina del Perugia. Di cosa ha bisogno un tecnico per portare avanti una scalata calcistica di tale portata?

“Non lo nascondo, serve una buona dose di fortuna. Accanto all’opportunità che ho avuto e che continuo a sfruttare, c’è un lavoro di sacrificio e una mentalità votata al lavoro settimanale. Non penso al progetto della scalata, ma solo a far bene partita dopo partita. Direi che in questi due anni ha funzionato, spero di calare il tris.”

PROMO mini

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
PROMO mini
PROMO mini

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

PROMO mini