Focus Girone B – Perugia

A distanza di quasi venti giorni, torna alla ribalta quello che è stato il primo avversario ufficiale del Barletta in questa stagione 2012-2013: la Tim Cup ha emesso il primo verdetto, il campionato provvederà il 9 settembre a mettere in scena il sequel. Protagonista di oggi è nuovamente il Perugia.

Umbri pressoché immutati rispetto a tre settimane fa, ma quei piccoli cambiamenti provano a scuotere gli equilibri di un appassionante pre-campionato offerto dal girone B. Battistini continua il rodaggio dei suoi tra consueti allenamenti e frequenti amichevoli di lusso: a dieci giorni dalla prima di campionato, il Grifo sembra ormai pronto.

Bellino Mini Wide

[quote_left]Dalla Juventus ecco Liviero, sistemata la fascia sinistra[/quote_left]
In porta mantiene il suo posto da titolare Koprivec, mentre la difesa, sempre a quattro, si arricchisce di un nuovo fondamentale tassello: un terzino sinistro di ruolo come il giovane Matteo Liviero, scuola Juventus, sostituirà l’adattato Martella sulla corsia mancina, eliminando così il probabile punto debole del team.
Gli altri tre uomini della retroguardia sono Jefferson, terzino destro, Lebran e l’altro ex juventino Garcìa al centro: quest’ultimo dovrebbe vincere il ballottaggio con Russo e Cacioli, utilizzati più spesso nella fase di preparazione estiva.

[quote_left]Preso Di Tacchio, mediana ok[/quote_left]
A centrocampo l’innesto principale ha il sapore barlettano: dalla Juve Stabia arriva Francesco Di Tacchio, il nostro fortunato concittadino che cominciò a tirare calci ad un pallone con la maglia del Nuovo Globo. Con lui Gennaro Esposito a comporre il tandem di centrocampo nel 4-2-3-1 di Battistini.

[quote_left]Ciofani terminale offensivo[/quote_left]
La punta centrale sarà probabilmente Ciofani, con Tozzi Borsoi relegato in panca. Il centravanti ex Gubbio e Atletico Roma darà profondità al reparto: abile a giocare tra le maglie della difesa avversaria, fa degli inserimenti senza palla l’arma migliore sua e della squadra.

Alle sue spalle un tridente che ha già fatto benissimo al “Puttilli” in Tim Cup: Clemente sarà il trequartista centrale, affiancato a sinistra da Rantier e a destra da Fabinho. Entrambi gli esterni hanno buona corsa e una buona tecnica di cross, anche da posizione estremamente arretrata.

Le intenzioni del Perugia sono ormai chiarissime: si presenta allo start ufficiale del campionato con una squadra praticamente completa e una società pronta a fare il triplo salto dalla D alla B. Con la Nocerina e le altre campane davanti sarà dura, ma Battistini e i suoi sono avversari temibilissimi.

STADIO – In origine era il “Comunale di Pian di Massiano”. Poi la tragedia di Curi spinse l’ambiente alla nuova denominazione in onore del calciatore scomparso. L’impianto perugino venne costruito in appena quattro mesi ed inaugurato nell’ottobre del 1975 per ospitare le gare interne del club, appena promosso in Serie A.

Una capienza di 28.000 spettatori, senza pista d’atletica e con una maestosa tribuna coperta. Dopo Italia ’90, in concomitanza col ritorno nella massima serie, la struttura venne ammodernata in linea con le normative federali. Il settore ospiti, la Curva Nord, ha la stessa capienza del settore riservato alla tifoseria di casa (2.500 spettatori).

Bagni Teti Wide Small

Contattaci su Whatsapp!


whatsappbutton+ 39 392 5981658


Zingrillo Top Boss Articoli e Categorie

Resta sempre aggiornato sulla tua squadra del cuore

Inserisci Nome e Cognome

Inserisci la tua E-mail

 

 

PROMO mini
Brainwave Skyscraper
Bellino Mini Wide
Bellino Mini Wide

Le Ultime

Le Gallery Biancorosse

Bagni Teti Wide Small